Vai alla copertina di Digital Security

Patrimonio dell'umanità, il mausoleo del primo imperatore cinese, protetto da questi guerrieri di argilla, ha potenti rilevatori a sicurezza, per avvisare l'ingresso dei ladri e possibili danni alle sculture.

Museo della terracotta Bosch

Le Mausoleo dell'imperatore Qin Shi Huang, Patrimonio mondiale dell'UNESCO, situato a Xi'an (Cina), ospita un esercito di 2000 anni fatto di statue di argilla, Guerrieri di terracotta, che mantengono la tomba del primo imperatore cinese.

Con un sistema di rilevamento degli intrusi che era diventato obsoleto, una de las prioridades ha sido su actualización y afrontar varios retos clave en cuanto a seguridad se refiere. Uno de ellos era, fino all'arrivo della pandemia, è stato quello di rispondere all'alto volume di migliaia di visitatori al giorno con un sistema di allarme veloce, Alternativo, se gli elementi esposti sono in pericolo.

Oltre al rischio costante di potenziali ladri che cercano di rubare oggetti esposti, la più grande minaccia viene dai turisti, coloro che rilasciano telefoni cellulari e telecamere nei box, aree limitate e possibili danni causati da.

Museo della terracotta Bosch

Un'altra sfida era che la nuova soluzione doveva funzionare in condizioni estreme, dal momento che le fosse, che ospitano diverse migliaia di statue di guerrieri d'argilla, contengono grandi quantità di polvere che possono ostacolare il lavoro dei rivelatori. Infine, il sistema doveva essere discreto, senza interferire nell'esperienza di osservare guerrieri e statue di cavalli su scala naturale.

Con queste sfide, Gli esperti Bosch hanno sviluppato una combinazione di diverse centinaia di rilevatori di intrusione 16.300 m2 dell'area museale. Al fine di ottenere un rapido rilevamento dei guasti alla sicurezza, sono stati installati rivelatori a parete lungo i box, che è stato completato da quelli installati sul soffitto, sopra le aree in cui passano i visitatori e quelle aperte.

Museo della terracotta Bosch

I rivelatori, integrato nei pannelli di controllo della serie G del produttore, operare con tecnologie a microonde e infrarosse, migliorato dagli algoritmi di elaborazione first step (Fsp) per rilevare i cambiamenti nell'energia infrarossa quando una persona supera un limite di sicurezza predefinito all'interno del museo e lungo il perimetro.

Eliminando i falsi allarmi dovuti alla polvere e ad altre interferenze ambientali, i rilevatori di pozzi utilizzano un sensore piroelettrico a infrarossi (Pir) e la tecnologia adattiva di elaborazione del rumore a microonde.

Una caratteristica differenziale è che i sensori forniscono un rilevamento accurato delle intrusioni, anche se sono montati sul tetto a volta e rialzato del Museo dei Guerrieri di Terracotta. Specificamente, il tetto è a 4,8 m altezza, che supera i limiti dei rilevatori di soffitto standard di oltre 2 M.

Museo della terracotta Bosch

In caso di tentativo di intrusione, I pannelli di controllo della serie G di Bosch attivano un allarme nella sala di controllo del museo in soli due secondi. Oltre alla posizione esatta del rilevatore, il team di sicurezza riceve immagini in tempo reale della scena da una telecamera di sorveglianza, grazie all'integrazione di una piattaforma di videosorveglianza di terze parti, per una risposta rapida ed efficace.

Il sistema di sicurezza integrato risponde anche a un altro requisito chiave per gli operatori museali: considerando che gran parte dei pezzi esposti sono conservati altrove quando necessario, che a loro volta deve essere al sicuro dai ladri, I rivelatori Bosch proteggono questi impianti di stoccaggio .

Questo uso di rivelatori non solo consente di risparmiare sui costi del personale di sorveglianza per questi spazi, che sono protetti da intrusioni e danni, ma i visitatori godono di un'esperienza personale quando guardano oggetti antichi senza recinzioni o barriere che limitano il loro viaggio.

Museo della terracotta Bosch

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti al nostro Feed RSS E non ti perderai nulla.

Altri articoli su , , ,
Di • 12 Febbraio, 2021
• Sezione: Studi di casi, Controllo accessi, CASO DI STUDIO EVIDENZIATO, MOMENTO CLOU PRINCIPALE, Rilevamento, Intrusione, Servizi